Print Friendly, PDF & Email

La mia focaccia al quark! 

 La focaccia al quark!

Questa appetitosissima focaccia piace a tutti e, quando arriva in tavola, viene rapidamente spazzolata via, nonostante il ripieno bollente, da grandi e piccini!

Prepararla è relativamente semplice, basta un po' di pasta per pizza, del quark e delle belle teglie di ferro in cui cuocerla

Ha però un grosso difetto... viene facilmente scambiata con la focaccia di Recco con cui, in realtà, non ha nulla a che spartire; se non una vaga somiglianza nell'aspetto.

Ma il ripieno non è stracchino;
e si utilizza un impasto lievitato!

Chiarito questo equivoco possiamo tranquillamente prepararci a gustarla con alcuni piccoli accorgimenti:
le quantità date sono molto elastiche: se ci sono difficoltà nello stendere molto sottile l'impasto, se ne può utilizzare una maggiore quantità: e se piace un ripieno abbondante, un po' più di quark non lo si nega a nessuno.

Io in genere uso delle teglie rotonde in ferro smaltato, ben oliate; e inforno sul piano in refrattario nel forno domestico, in basso.

Per quantità maggiori si possono usare delle teglie in ferro ben trattate e generosamente cosparse d'olio.

Cominciamo come sempre dagli ingredienti e iniziamo a cucinare!

Ingredienti, per una teglia da cm.32 Ø:

pasta per pizza

g.

450

quark

g.

200

feta

g.

70

sale e olio EVO

QB.

erbe per decorare, facoltative

 Ad lib.

per teglie di altre dimensioni, vedere nota!

 

Preparazione:

Annunci Google

<

 

Preriscaldare il forno al massimo in modalità statica, il piano in refrattario dovrà essere ben caldo.

Oliare la teglia.

Dividere in due l‘impasto e cominciare a stenderlo,

prima a mano e poi col mattarello il più sottile possibile: deve bastare a foderare tutta la teglia, bordo compreso.

Coprire con generose cucchiaiate di quark, a piacimento; volendo lasciarlo a mucchietti o distribuirlo col dorso del cucchiaio su tutta la superficie.

Spolverare con la feta sbriciolata (a volte, per un sapore diverso, sostituisco la feta con del parmigiano grattugiato).

Stendere, come prima, il resto dell'impasto e disporlo a coprire il ripieno.

Chiudere bene premendoli insieme i bordi della sfoglia inferiore e superiore.

Fare dei piccoli strappi, facendo come dei pizzicotti, sulla superficie della focaccia in modo da creare degli sfoghi per il vapore in cottura

(se uscirà un po' di quark, non è un problema: darà più colore alla superficie!).

Premere con moderata energia coi polpastrelli sulla focaccia in modo da spargere il quark al di sotto in modo pressoché uniforme.

Spruzzare d'acqua, salare con sale fino (con moderazione, la feta è salato), cospargere (facoltativo) con origano o timo oppure con rosmarino tritato.

Aggiungere l'olio d'oliva e infornare nel forno (statico) preriscaldato al massimo (in genere 250°C - 300°C, a seconda del forno, v. nota).

La focaccia sarà pronta in dieci minuti (più o meno a seconda del forno).

Sfornare, far scivolare dalla teglia su di un tagliere,

tagliare a spicchi e servire.

Ottima appena sfornata (occhio alle ustioni alla lingua, però!) o lasciata appena intiepidire (specie se servita a dei bambini, mi raccomando).

Buon appetito!

SUGGERIMENTI E NOTE:

Annunci Google

<

 

I vostri commenti son benvenuti!
Lasciateli nel modulo a fondo pagina:

{jcomments on}