Pilaf si ma... con quel che c’è

Un pilaf improvvisato!

Il giorno dopo una bella grigliata in giardino con tanti bei pitasouvlaki, nonostante la golosità ho dovuto rinunciare a far fuori gli ultimi due spiedini…

E così ho deciso, invece di riutilizzarli così com’erano il giorno dopo, di riciclarli insieme alla verdure di decorazione rimaste, per la preparazione di un bel pilaf di riso e verdure;
senza tralasciare un piccolo tocco di sapore esotico dato da una presa di curry.

La preparazione è quella classica del pilaf, più volte descritta in queste pagine; dalla più semplice alla più ricca.
Consideriamo anche questa come un’altra variante, seppure poco canonica visto che è stata basata su quel che c’era ancora da far fuori in cucina!
E del resto c’è sempre la soddisfazione di creare, da un paio di cose rimaste indietro, un piatto del tutto nuovo!

Ingredienti:

Oltre ai due spiedini e alle verdure per i pita c’eranoin frigo dei fagiolini già cotti; anche quelli son finiti nel calderone.

riso tipo basmati (v. nota)

cc

100

brodo vegetale

cc

150

cipolla piccola

pz

1

olio EVO

 

QB

sale e pepe

 

QB

curry

presa

1

carne e verdure dai souvlaki, ca.

gr

120

Preparazione:

Annunci Google

<

Misurare il riso e lavarlo accuratamente fino a quando l'acqua sarà limpida: questa è un'operazione importante perché elimina tutte quelle piccole tracce di amido che farebbero incollare i grani fra loro.

Affettare la cipolla e farla rosolare nell’olio a fuoco bassissimo finché non sia disfatta completamente.
Nel frattempo scaldare del brodo vegetale e aggiungervi una presa di curry.

Appena la cipolla è pronta, aggiungere il riso alzando la fiamma e farlo tostare bene, come nella preparazione del risotto.

Mescolare insieme la carne e la verdure a pezzetti.

Aggiungere tutto il brodo, bollente, e mescolare un attimo.

Coprire il riso col misto di verdure e carne, senza mescolare, e poi, prima di incoperchiare, coprire con un foglio d’alluminio per favorire la tenuta del tegame.

Infornare nel forno preriscaldato a 180° e far cuocere per 18’.

A fine cottura sgranare rapidamente il riso e mescolare il condimento con una forchetta.
Qualora risultasse lievemente umido, lasciarlo riposare, scoperto, nel forno spento per un paio di minuti.

Ora il piattoè pronto per essere servito in tavola direttamente nel tegame (o nella teglia nel caso se ne fosse preparata una grande quantità).

Ed ecco il nostro pilaf improvvisato con che era rimasto dal giorno prima!

SUGGERIMENTI E NOTE:

Annunci Google

<
  • Riso Basmati: I risi a chicco lungo sono i più indicati, dal classico Basmati alla varietà dal profumo di gelsomino usato per questa preparazione.
  • Pitasouvlaki: sono dei pita farciti come i pitagyros; ma utilizzando al posto della carne del gyros quella dei souvlaki. Souvlaki piccolini e a fette di carne sottili: giusto la quantità sufficiente a farcire un pita.
  • Carne e verdure dai souvlaki: i miei spiedini son fatti con pezzetti di carne, in genere un massimo di gr. 40/50. E le verdure preparate per accompagnare i souvlaki nei pita erano oramai pochine!
  • Per chi fosse interessato, qui sono indicati un paio di pilaf possibili, oltre alla ricetta per la preparazione di base:
    pilaf gamberetti e piselli
    paella a pilaf.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna