Print Friendly, PDF & Email

Stagione di albicocche:
oggi si va di confettura!

Stagione di albicocche: oggi si va di confettura!

Quando finalmente le bancarelle del mercato e i banconi del supermercato si riempiono di cassette di albicocche del Vallese (buonissime, credetemi), è il momento di portarmene un po' a casa.
Dopodiché non mi resta che usarle, in ogni maniera. 

Tante finisce che le mangio così come sono, oppure, a pezzetti, con lo yogurt del mattino.
Altre finiscono nelle varie torte che preparo e, per concludere, visto che la confettura di albicocche in casa va sempre per la maggiore, finiscono in barattolo.

Non si tratta certo di una preparazione molto professionale: giusto quel che serve per avere un po' di marmellata a disposizione...
In questo caso ho usato solo le albicocche e lo zucchero gelificante; per sovrappiù pure una presa di vaniglia.
 

albicocche, intere

g

1'500

zucchero gelificante

g

1'000

vaniglia pura

presa

1

E poi le ho preparate così:

Annunci Google

<

Ho lavato e snocciolato le albicocche e poi le tagliate a spicchi.
Poi le ho messe in una pentola, le impastate (con le mani, con metà dello zucchero per confetture e ho aggiunto una presa di vaniglia (tanto per golosità!).

Le albicocche son state lasciate a macerare per alcune ore, nella pentola coperta, dando una rimestata, sempre con le mani, ogni tanto.
Quando la frutta si è ben ammorbidita e ha buttato fuori il suo succo è il momento di procedere.

A questo punto ho messo il tutto sul fuoco e, mescolando (col mestolo, stavolta!) ho portato a ebollizione, lasciando cuocere per alcuni minuti finché le albicocche non si sono disfatte del tutto.
Poi ho aggiunto il resto dello zucchero e, sempre mescolando, ho proseguito la cottura per altri cinque minuti

Aiutandomi con un imbuto a becco largo ho riempito i vasetti sterilizzati (io li riempio d'acqua e li faccio andare a massima potenza nel microonde per dieci minuti).

Quindi le ho chiuse con i tappini sterilizzzati in un pentolino con acqua bollente.

Serro i coperchi ben stretti e capovolgo i vasetti per una decina di minuti,  prima di raddrizzarli e cominciare a lasciarli raffreddare.

Intanto preparo le etichette (nastro adesivo di carta da imbianchino!) e le metto sui barattoli.
Appena freddi del tutto li porto giù in dispensa.

Non faccio altre sterilizzazioni perché, fra marmellata a colazione e torte dureranno molto poco!

SUGGERIMENTI E NOTE:

Annunci Google

<
  • Quando devo preparare delle confetture che dovranno durare più a lungo, prima di mettere i tappini chiudo i barattoli con gli appositi foglietti di cellophane bagnati nell'acqua: la tenuta è garantita!

Aggiungi commento