Pesto d’aglio orsino - Bärlauchpesto

Bärlauchpesto - Pesto d’aglio orsino

Stamane è passata Doris, la mia vicina.

E mi ha portato quel che le restava dell’aglio orsino raccolto ieri passeggiando col marito nei boschi qua intorno: mezzo chilo abbondante!

Non mi è rimasto che mettermi subito d’impegno a lavorare in cucina per prepararmi una bella scorta di pesto d’aglio orsino o, come lo si chiama qui, Bärlauchpesto.

Qui, quando arriva questa stagione, è un fiorire di preparazioni all’aglio orsino, dal formaggio al quark e a tante altre.

Ma certo la più diffusa è quella del pesto che fra l’altro non è una preparazione complicata: a differenza del basilico queste foglie sopportano perfettamente il frullatore mantenendo a fine preparazione un bel colore verde brillante.

E si presta a essere utilizzato in tutti quei piatti che prevedono il pesto tradizionale.

Certo il sapore è diverso e unisce al sapore di aglio anche un fondo particolarmente piccante.

Io, nel prepararlo, do una piccola personalizzazione agli ingredienti: sostituisco l’olio di colza con dell’ottimo olio d’oliva e il formaggio Sbrinz con del grana padano.

Ma ora, cominciando come sempre dagli ingredienti, iniziamo a prepararlo!

Ingredienti:

aglio orsino

g.

250

pinoli

g.

100

grana padano

g.

100

olio EVO

ml.

200

sale fino

QB.

Preparazione:

Annunci Google

<

 

Pulire e lavare le foglie di aglio orsino, asciugarle, tagliarle grossolanamente e metterle nel frullatore.

Aggiungere l’olio d’oliva, il pesto e il formaggio grattugiato.

Frullare per un paio di minuti, mescolare con una spatola, e mescolare ancora qualche minuto per ottenere una crema omogenea.

Il nostro Bärlauchpesto è già pronto per essere uutilizzato!

Può essere usato per condire un piatto di pasta o per insaporire, come in queste foto, un minestrone.

Si conserva, coperto da un centimetro d’olio, in frigorifero per un paio di settimane
(i barattoli di vetro devono venire sterilizzati in acqua bollente, riempiti di pesto fino a un centimetro dall’orlo e poi, coperti d’olio fino all’orlo, ben chiusi).

Io preferisco conservarlo in piccoli contenitori nel freezer, si mantiene perfettamente e conserva in pieno il suo profumo.

Buona preparazione e buon appetito!

SUGGERIMENTI E NOTE:

Annunci Google

<
  • print pdf Ricetta, solo testo: da stampare o scaricare.
  • Da Wikipedia: l’aglio orsino (Allium ursinum L.) è una pianta bulbosa, erbacea, perenne, eretta non molto alta, con fiori bianchi e foglie larghe, delicate e setose, dall'odore pungente di aglio. Appartiene alla famiglia delle Liliaceae come il tulipano, il giglio, il mughetto ed altre. La si può trovare nei nostri boschi a volte in popolamenti spesso massivi e fitti.
  • Articoli correlati: Pesto veloce nel frullatore.

I vostri commenti son benvenuti!
Lasciateli nel modulo a fondo pagina:

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna