itende

Print Friendly, PDF & Email

La mia crostata alle mele...

La mia crostata alle mele...

L’altro giorno avevo messo in tavola, come dolce, la mia solita crostata alle mele.

Appena mi è stata chiesta la ricetta, stavo per inviare il link al sito ma mi son reso conto che, come ahimè sospettavo, per l’abitudine di prepararla così spesso, non mi ero mai preoccupato di segnarmi la ricetta passo passo.

Ho quindi, dopo averne indicata al volo la procedura, provveduto a inserirla:
non poteva certo mancare nella mia raccolta di ricette!

In fondo è una torta molto semplice da preparare ed è sempre un successo.

Una frolla veramente semplice, quasi una pasta brisée, arricchita però da un uovo (dove con quella quantità di farina avrei messo almeno quattro tuorli!) e dello zucchero.

Del resto, quand’ero piccolo, c’erano due tipi di torte di cui ero goloso: la torta margherita (quella con la ricetta dell’Artusi, come la preparava mia mamma) e le crostate: di ogni tipo e natura.
E a dieci anni le sapevo già preparare!
(per lo strudel ho dovuto attendere i diciotto anni)

Ora, cominciando come sempre dagli ingredienti, iniziamo a cucinare!

Ingredienti:

frolla, per uno stampo da cm. Ø:

26

20

farina 00

g.

225

120

burro, molto freddo

g.

100

60

zucchero

g.

80

50

uovo medio

pz.

1

-

uovo piccolo

pz.

-

1

scorza di limone

pz.

½

presa

sale

presa

½

presa

facoltativa, vaniglia

 

per il ripieno

mele: renette, boskoop

pz.

2

1

mandorle tritate

CT.

2

1

 

per la crema legante:

panna o latte

ml.

160

80

uova

pz.

2

1

zucchero

g.

40

20

cannella o vaniglia (facoltative e secondo il gusto)

QB.

zucchero a velo per la decorazione finale

QB.

 Preparazione:

Annunci Google

 

Per prima cosa, cominciare con la preparazione della pasta frolla: versare in una grossa ciotola (o anche direttamente sul piano della cucina) la farina setacciata, formare una fontana e mettervi al centro il burro freddo a pezzetti.

Mescolarli rapidamente con la punta delle dita in modo da non lasciare della farina asciutta.

(io ho un piccolo trucco, per questa fase: dopo aver pesato il burro e la farina, taglio il burro a dadolini e lo cospargo con un po’ della farina già pesata; poi lo lascio in freezer per una ventina di minuti. Quindi metto il burro, il sale e il resto della farina nel mixer e faccio girare le lame per un minuto alla massima velocità; completo con zucchero, uovo e aromi e poi un altro minuto a velocità massima: un impasto perfetto e ancora decisamente freddo!)

Versare l’impasto sul piano di lavoro, raccoglierlo ripiegandolo su se stesso un paio di volte, formare una palla e porlo a riposare in frigo almeno mezz'ora (spesso io lo preparo già il giorno prima), fra due fogli di carta forno (ben infarinati o si incolla che è una meraviglia) a uno spessore di tre millimetri (mm. 3).

Adagiarlo delicatamente, lasciando la carta forno della base, nella teglia.

Eliminare i bordi in eccesso e trasferire la teglia al fresco.

Affettare le mele (2 Boskoop per una teglia da cm. 26 Ø) a spicchi (io uso un tagliamela da sedici spicchi) e condirle con poco zucchero, succo di limone e, volendo, un'idea di cannella.

Tenerle da parte.

Se si vuole un bell'effetto visivo, non sbucciarle. Altrimenti pelarle e poi affettarle.

Mescolare in una ciotola gli ingredienti per la crema legante e tenere da parte.

Scaldare il forno, statico, a 200°C.

Riprendere la teglia e bucherellare la frolla con una forchetta.

Spalmare su tutta la superficie uno velo di confettura di albicocche (fatta in casa, ove possibile) e poi coprire con mandorle macinate.

Disporre le mele a cerchi concentrici (o formando una spirale) sovrapponendo leggermente i bordi.

Appena il forno è a temperatura, versare la crema legante su tutta la torta e infornare per 30' / 40'.

Togliere dal fondo e lasciar raffreddare nella teglia su di una gratella.

Cospargere di zucchero a velo prima di affettare.

Buon appetito!

SUGGERIMENTI E NOTE:

Annunci Google

 

 

I vostri commenti son benvenuti!
Lasciateli nella mia pagina di Facebook o nel modulo a fondo pagina:

Add comment

Vi piace questo sito?

Qui potete contribuire a migliorarlo